GIUSEPPE DE DOMINICIS e “La notte de Santu Martinu”

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

 

vino-rosso-e-castagne

Carne arrostita, caldarroste, lupini, vino novello, contornano le tavole dei salentini nel giorno 11 novembre di ogni anno.
Si festeggia San Martino di Tours, nativo di Sabaria, in Pannonia (l’odierna Ungheria).
Suo padre, che era un importante ufficiale dell’esercito dell’Impero Romano, gli diede il nome di Martino in onore di Marte, il dio della guerra. Con la famiglia si spostò a Pavia, e quindicenne, in quanto figlio di un ufficiale, dovette entrare egli stesso nell’esercito. Venne mandato in Gallia; qui, ancora adolescente, si convertì al cristianesimo e divenne un monaco nella regione di Poitiers.

san-martino1

Quando Martino era ancora un soldato, ebbe la visione che diverrà l’episodio più narrato della sua vita. Si trovava alle porte della città di Amiens, con i suoi soldati, quando incontrò un mendicante seminudo. D’impulso tagliò in due il suo mantello militare e lo condivise con il mendicante. Quella notte sognò che Gesù si recava da lui e gli restituiva la metà di mantello che aveva condiviso. Udì Gesù dire ai suoi angeli: “Ecco qui Martino, il soldato romano che non è battezzato, egli mi ha vestito.” Quando Martino si risvegliò, il suo mantello era integro. Il mantello miracoloso venne conservato come reliquia, ed entrò a far parte della collezione di reliquie dei re Merovingi dei Franchi. Il termine latino per “mantello corto”, cappella, venne esteso alle persone incaricate di conservare il mantello di san Martino, i cappellani.

Il sogno ebbe un tale impatto su Martino, che si fece battezzare il giorno seguente e divenne cristiano. Decise di lasciare l’esercito e divenne un monaco nei pressi della città di Tours, sotto la protezione del vescovo Ilario di Poitiers. Martino si adoperò per la conversione alla cristianità della popolazione gallica, facendo molti viaggi per predicare nella Francia centrale ed occidentale, soprattutto nelle aree rurali, demolendo tempietti ed altari pagani. Nel corso di questa opera divenne estremamente popolare, e nel 371 divenne vescovo di Tours. Martino si rifiutò di vivere nella città e invece fondò un monastero a poca distanza dalle mura, che divenne la sua residenza. Il monastero, noto in latino come Maius monasterium (monastero grande), divenne in seguito noto come Marmoutier.
Martino lottò contro l’eresia ariana. L’opera di Martino di Tours consentì di vincere l’eresia, creando le premesse per il Concilio di Nicea.

San Martino di Tours viene ricordato l’11 novembre, sebbene questa non sia la data della sua morte. Nei primi secoli del cristianesimo, il culto reso ai santi spesso si collegava alla data della depositio nella tomba. Questa data è diventata una festa straordinaria in tutto l’Occidente, a causa di un numero notevole di cristiani che portavano il nome di Martino.
Molte chiese in Europa sono dedicate a san Martino. L’11 novembre i bambini delle Fiandre e delle aree cattoliche della Germania e dell’Austria, partecipano a una processione di lanterne. Spesso, un uomo vestito come Martino cavalca in testa alla processione. I bambini cantano canzoni sul santo e sulle loro lanterne. Il cibo tradizionale di questo giorno è l’oca. Secondo la leggenda, Martino era riluttante a diventare vescovo, motivo per cui si nascose in una stalla piena di oche. Il rumore fatto da queste rivelò il suo nascondiglio alla gente che lo stava cercando.

Molte le storie e le poesie che ci raccontano come i salentini vivono, ognuno a suo modo, ma sempre ancorati alla tradizione, questo giorno di vera e propria festa.
Io ho scelto di raccontare di Giuseppe De Dominicis, il cosiddetto poeta degli umili (il Capitano Black), nato a Cavallino di Lecce nel 1869. Questo poeta era un attento studioso di tradizioni popolari leccesi ci mostra nel bellissimo brano “La Notte de Santu Martinu”, come la mente cerca di abbracciare il cielo , ma altro non afferra che un pugno di polvere e tutto muta quando entra in circolo il balsamo del vino, con i suoi fumi. Ci troviamo dinanzi ad alta poesia dialettale.

giuseppe-de-dominicis2La notte de Santu Martinu (brano integrale)

 

Linda, sièntime a mmie, ssèttate a cquai,

ca ogghiu cu tte confidu nu penzieri;

prima de tuttu nu ppenzare a uai

e penza cu te bii st’àutru bicchieri.

 

Cu quantu desederiu ieu studiai

cu ssacciu ccenca bè la verità,

na cosa sula intantu me mparai:

ca lu mundu ete tuttu vanità!

 

Intru ttutti li libri aggiu mparatu,

ca l’omu ca cchiù ssape cchiù nde sballa.

Comu lu muscaritulu s’ha ccriatu?

Comu nasce de lu erme la farfalla?

 

Tante de stidhe ca nci suntu a ncelu,

quale mente le sape mmesurare?

Percè la verità porta nu velu

ca l’omu nu lu pote spugghecare?

 

Dimme quale scienziatu l’ha capita

comu se forma a ncapu lu penzieri?

Comu ccumenza a ll’uemmeni la vita?…

Ma penza cu te bii st’àutru bicchieri!

 

Lassandu li libri, cercandu l’amore

passare m’aggiu ista fiurita l’ità!

E mmoi, se nu picca demmandu lu core:

cce bete l’amore? – Cce bè?… Vanità! –

 

L’amore, l’amore non è ttale e cquale

ca ieu carusiedhu sunnatu me l’ìa;

nu ssuntu quisti asi la petra nfernale

ca bruscia, ca strusce quist’anima mia!

 

Ulia, ddu me tecchi sse  spèzzanu l’osse;

me mbrazzi e nnu male mme pozza zzeccare;

se ammucca me a basi, mme nfoca la tosse;

se me asi ‘ntru ll’ecchi, cu ppozzu cecare!

 

E struttu, cunfusu cu ll’anima toa,

ulare pe ll’aria, lassare sti uai!…

Ma intantu, bedhazza, l’amore nu ttroa

cca lli asi surtantu ca fissu me dai.

 

E quando la mente ole mbrazza lu celu,

de pùrvere a mmanu se troa na francata;

e quantu cchiù bàutu ole spicca lu uelu,

cchù mmutu alla terra se sente nferrata!

 

E giurnu pe giurnu ni etimu na cosa

Cadire sbiadita de cqua intru llu core;

fugghiazza, fugghiazza se spronda la rosa

lassandu lu russu, perdendu la ndore!

 

E cchiù mmutu intru ll’anima

Te sienti rrusecare,

se na cosa desìderi

senza lla puei zzeccare;

e rreddhi e curri e spràsemi,

te mangi lu penzieri

e cerchi a ddu pò esistere

nn’autra felicità.

 

Ma intantu moi la pràtteca

de l’anni me cunsiglia,

ca, se la uei, cercàmula

sulu ‘ntru lla buttiglia;

e avanti, bbi, manisciate,

inchi, bedhazza mia,

e doppu poi respundime

se nu bè verità.

 

Quandu te capu pàssanu

Dhi fumi barzamati,

te pàrenu na prubbeca

centu mila ducati;

si’ rrande comu principe,

putente come papa,

cumandi a tutti l’uemmeni

cchiù mmegghiu de nu rre.

 

Te sienti intru lli musculi

na forza de gigante,

te cridi ca le fimmene

te òlenu tutte quante,

te sienti de na museca

a ll’aria trasportare,

tutte le cose bàllanu

allegre a turdimè.

 

Li culuri cchiù niuri

dèntanu comu rose;

a ffurma cchiù simpatica

se càngianu le cose;

e tte idi de tanti angeli

a ncelu sulleare;

e ntorna te desidera

bbinchi bicchieri e bì.

 

Le cose cchiù difficili

‘dhi punti le capisci

fintantu bellu pracedu

nu ppigghi e ccu ddurmisci…

e avanti, bii, manisciate,

inchi, bedhazza mia,

e doppu poi respundime

se nun è peccussì.

 

E voi combriccola, come festeggerete venerdì 11/11/2016, il giorno di San Martino?

“Non c’è cosa migliore da fare, che ascoltare chi ha qualcosa da dire”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress spam blocked by CleanTalk.
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×