Posts Tagged: CIBO

Cameriere, mi porterebbe la carta dei vini?

 

Non so se a voi sia mai capitato (a me spesso), di ritrovarvi seduti al tavolo di un ristorante, in occasione magari di una cenetta romantica, o di un pranzo in compagnia di una vecchia amica, e di sentirvi dire dal cameriere: “Da bere che cosa porto?” o addirittura “Rosso o bianco?”, prima ancora di aver letto il menù. Ora, occorre precisare che io apprezzo la figura del cameriere, lavoro nobile, all’insegna della pazienza e del sacrificio, ma qui il punto è un altro, e cioè come cavarcela nella situazione in cui, ci troviamo di fronte alla scelta del vino, quando manca una carta dei vini?

Tornando a noi e al nostro sketch al ristorante, la risposta non può che essere: “Ci lasci almeno decidere che cosa mangiare”, che per carità, è una risposta corretta, ma senza dubbio indispone chi ci serve e preannuncia sicuramente una cenetta o un pranzo infelici!

In molti locali, la carta dei vini non esiste; in altri esiste, ma non viene consegnata al cliente se non dopo esplicita richiesta; in altri ancora i ricarichi di prezzo sono decisamente esagerati e molto spesso alcuni vini presenti sulla carta non sono affatto disponibili.

IMG_9058

 

 

 

 

Generalmente, in ogni tipo di locale la prima regola da seguire è quella di scegliere prima ciò che si desidera mangiare e poi il vino con cui accompagnare i cibi.

Per i neofiti dei vini , una carta classica può disorientare. Per questo i ristoratori moderni e inventivi rivaleggiano in fantasia per facilitarci il compito. Ecco tre esempi che ci offre Ophélie Neiman, “una gioiosa amante del vino”, la quale, attraverso giochi d’immaginazione, ci aiuta ad affrontare la lettura di una carta dei vini:

CON UN COMMENTO AI VINI: ogni vino è riassunto da una frase tanto espressiva quanto originale: “…questo vino è come una Cenerentola dolce, voluttuosa e naïf”;

SU UN TABLET: cliccando su ogni vino si apre una pagina che offre numerose informazioni: cartografia del vigneto, note sui vitigni, informazioni sul produttore;

CON UNA CLASSIFICAZIONE PER STILE: si comincia con lo scegliere uno stile di vino (rotondo e vellutato o leggero e fruttato…), e in seguito si decidono la regione e la denominazione.

Le informazioni che non devono mai mancare in una carta di vini sono:

-LA REGIONE;

-LA DENOMINAZIONE;

-L’ANNATA;

-IL NOME DEL PRODUTTORE;

-IL PREZZO.

Voi winelovers, cosa ne pensate delle carte dei vini? Credete siano indispensabili o che se ne possa fare a meno?

“Non c’è cosa migliore da fare, che ascoltare chi ha qualcosa da dire” 

Che ruolo ha la solforosa nel vino?

Prima di cominciare a raccontare, penso sia utile capire cosa sia questa famigerata “anidride solforosa”.
L’anidride solforosa (o biossido di zolfo) è un composto di zolfo e ossigeno, risultante dalla combustione dello zolfo, la cui formula è SO2.
Questa sostanza ha un potere antisettico, che viene sfruttato dal momento in cui le uve vendemmiate entrano in lavorazione, fino poi ad agire nel mosto e nel vino.
Viene impiegata nel trattamento antisettico dei fusti vuoti. Svolge la funzione di selezionatore di lieviti. E’ anche un antiossidante: ha perciò la capacità di proteggere il vino e di ritardarne l’invecchiamento.
A dire il vero però, l’anidride solforosa presenta anche un difetto: in dosi esagerate, eccessive, può diventare tossica; può attaccare il bulbo olfattorio e provocare forti dolori localizzati nei seni nasali e dà anche luogo ad emicranie.
7448_180
 LA QUANTITA’ DI SOLFOROSA
Le dosi di solforosa variano da 3 a 300 mg/l nel vino, e questo significa che la differenza può essere enorme. Varia perfino in base ai singoli vini.
 IL VINO SENZA SOLFOROSA
Alcuni temerari vignaioli tentano ad elaborare vini senza aggiunta di solforosa.
Questi vini rispondono a condizioni di conservazione rigorose (per esempio una temperatura inferiore ai 16°C), in assenza delle quali la fermentazione potrebbe ripartire o il vino ossidarsi rapidamente. Questi vini senza solforosa offrono, a volte, assaggi pieni di freschezza e vitalità, altre volte, in caso di problemi, odori di mela ammuffita e di stallatico (odore di letame).

Schematizzando:

 

smileys_001_01
I VANTAGGI:
-è’ antiossidante : protegge, dall’ossigeno, il mosto in fermentazione ed evita un’ossidazione che rovinerebbe il vino;
-arresta la fermentazione e permette di mantenere degli zuccheri residui per elaborare un vino dolce;
-stabilizza il vino all’imbottigliamento, proteggendolo da un’ossidazione che lo farebbe invecchiare precocemente.

 

depositphotos_75191371-Cartoon-dislike-smile-emoticon
GLI SVANTAGGI:
-la solforosa ha un cattivo odore (di zolfo, per intenderci quindi, di uovo marcio);
-è antiossidante: può favorire la riduzione in un vino e dunque lo sviluppo di odori sgradevoli all’apertura (odore di cavolo);
-può provocare alcuni disturbi, come mal di testa;
-irrigidisce il vino e ne spegne un pò il carattere.
Voi, amici, come la pensate a riguardo?

“Non c’è cosa migliore da fare, che ascoltare chi ha qualcosa da dire”